Spaghetti risottati con pomodorini e origano

Per ancora qualche giorno sarò a casa, in attesa di iniziare il lavoro nuovo. Come forse molti di voi già sapranno, seguendomi su Facebook che aggiorno, ahimè, molto più di questo blog, ho trovato lavoro in una gelateria proprio qui vicino casa, in uno dei mercati di Londra più famosi proprio per la qualità e la miriade di cibi cucinati e non, il “Borough Market”. In questa gelateria, la 3 Bis di Rimini, imparerò, tra le altre cose, anche a fare il gelato artigianale, fatto bene, come tutti i gelati andrebbero fatti.

Ma torniamo alla ricetta. Per ancora qualche giorno starò a casa e cosa c’è di più bello che oziare sotto il piumone caldo (ci tengo a sottolineare SINTETICO) quando fuori inizia a far freddino? Nulla. Il momento clou però arriva nell’attimo in cui ti accorgi che in frigo non hai nulla, se non pochissimi ingredienti. PANICO. Cosa cucinare?

A me non servono grandi ingredienti per tirar fuori dal cappello cose che possano sfiziarmi, ed allora ecco che davvero con poche cose sono riuscita a creare una pasta gustosissima e pronta in pochissimi minuti, che vi consiglio vivamente di provare, prima o poi 🙂

Il nome della pasta, “risottata”, deriva da una tecnica di cottura che ho scoperto già da un po’ e che devo dire uso spesso. Come infatti il risotto cuoce grazie all’aggiunta di brodo, anche la pasta cucinata con questa tecnica può cuocere completamente, o soltanto negli ultimi minuti finali, dentro alla salsa di servizio che avete preparato in precedenza. Il rilascio di amido della pasta mentre si lega al sugo, creerà un piatto finale gustosissimo e cremoso, da leccarsi i baffi. Ma andiamo a vedere come si fa.

Ingredienti per 2 persone (o per una golosa come me)

– 80 g di spaghetti a testa (ma pure 100 vanno bene eh..! 😀 )

– 300 grammi di pomodorini ciliegio o datterini, lavati ed asciugati

– 50 g di parmigiano grattugiato

– origano fresco o secco, 1 cucchiaio abbondante

– 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva

– sale e pepe quanto basta

Preparazione

– Mettete l’acqua per la pasta a bollire, coprendola con un coperchio così arriverà a bollore prima.

– Mentre aspettate che l’acqua arrivi ad ebollizione, preparate il sughero. Tagliate i pomodorini prima a metà e poi ancora a metà. In una padella antiaderente abbastanza capiente, fate scaldare l’olio extravergine d’oliva assieme allo spicchio d’aglio che dovrete prima schiacciare ed appiattire un po’ con il palmo della mano. Fate scaldare l’olio facendo attenzione a non farlo friggere. Quando vi sembrerà abbastanza caldo, aggiungete i pomodorini tagliati dentro la padella, facendoli saltare un pochino (se siete capaci) oppure mischiandoli semplicemente con un cucchiaio di legno.

– L’acqua a questo punto dovrebbe essere arrivata a bollore. Salatela a piacere e buttateci gli spaghetti senza spezzarli, mi raccomando.

– Quando vedrete che i pomodorini avranno perso la loro acqua ed il sugo comincerà ad essere un po’ asciutto, allungatelo con un mestolino di acqua di cottura della pasta. Mischiate bene.

– Fate arrivare la pasta quasi a cottura, quindi toglietela dal fuoco circa 4 minuti prima del tempo previsto dalla confezione. Non scolatela dentro al lavandino, bensì con un paio di pinze o con l’apposito mestolo forato per spaghetti, tiratela su e mettetela dentro la padella del sughetto.

– Aggiungete un altro mestoloni di acqua di cottura dentro la padella e fate arrivare la pasta a cottura in questo modo. Fate solo attenzione a non aggiungere troppa acqua alla volta altrimenti diventerà una minestra, non più una pasta asciutta 🙂

– Una volta che la pasta sarà cotta, aggiungete dentro la padella l’origano ed il parmigiano e mischiate bene. Se vi sembra che sia troppo asciutta, allungate con un goccino di acqua di cottura.

Questa pasta davvero merita un premio per la sua semplicità, credetemi, è davvero buona.

Fatemi sapere se vi è piaciuta, se la provate, con un commento qui sotto.

Buon appetito! 🙂

Angelina

pasta risottata

6 Comments

  • angela ha detto:

    sicuramente semplice e gustosa,io ci aggiungo anche un pò di capperi e olive tipo taggiasche.

  • Francesca ha detto:

    Al posto del parmigiano ho messo il pangrattato, perché ho un’amica allergica ai latticini… Il risultato è comunque libidinoso! In un colpo solo si sistemano vegetariani, vegani, allergici e schizzinosi!
    Thanks Angelina!

    • Angelina ha detto:

      Si, davvero! E’ proprio una pasta “salva-cena” dell’ultimo minuto. E nella sua semplicità è davvero strabuona! 😀

  • Valeria ha detto:

    Ho detto a mia figlia che avremo mangiato questo piatto a pranzo e ho cercato se ci fosse anche una ricetta. L’ho trovata, la tua, ed è d’avvero buona. Ingredienti semplici ma buonissimi. Poi ognuno aggiunge a piacere olive o capperi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.