Ragù di Parmigiano Reggiano

Credo che non smetterò mai di ringraziare la mia collega blogger/amica Teresa De Masi di “Scatti Golosi” per aver acceso in me quella lampadina che si illumina ogni qual volta trovo in rete delle ricette geniali. Oggi andremo a realizzare un ragù di Parmigiano Reggiano.

Sì, perché questa è geniale per davvero. In effetti ero già abituata a mangiare le croste di Parmigiano perché mia mamma le metteva a cuocere insieme al minestrone. Era una lotta ogni volta che la dovevamo dividere tra tutti, perché io la volevo sempre tutta per me.

ragùIMG_0668 copy

Il Parmigiano Reggiano è uno di quegli alimenti che io ADORO. In generale adoro un po’ tutti i formaggi, ma il Parmigiano è uno dei miei preferiti perché è come un tubino nero: sta bene su tutto! 😀

Ho preso l’ispirazione come vi dicevo dal blog “Scatti Golosi, ma ho un po’ cambiato dando il mio tocco a questa ricetta che, già così com’è, è buonissima.

Ingredienti

  • 700 g di croste di Parmigiano Grattugiato;
  • 1 litro di polpa di pomodoro;
  • 700 ml di acqua calda;
  • una punta di cucchiaino di noce moscata;
  • 1 piccola cipolla bianca tritata;
  • mezzo spicchio d’aglio;
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • mezzo cucchiaio di zucchero semolato.

ragùProcessed with VSCOcam with 4 preset

Preparazione

Mettete a bollire una pentola di acqua calda (non utilizzate la dose che vi ho dato per la ricetta perché quella vi servirà dopo).

Mentre aspettate che l’acqua arrivi a bollore, grattate le vostre croste di Parmigiano con un coltello dentato, facendo attenzione a non farvi male.

Quando l’acqua sarà arrivata a bollore, metteteci dentro le croste di parmigiano e fatele ammorbidire per circa 2 minuti. Scolatele e tagliatele a pezzettini con l’aiuto di un coltello abbastanza affilato.

Tutta questa procedura si può saltare se siete abili a tagliare le croste di Parmigiano senza ammorbidirle un po’. Io ho usato questo metodo perché non avevo con me un coltello decente e avevo paura di farmi male.

Tagliate le croste di Parmigiano a pezzetti abbastanza piccoli, dovrete avere un po’ di pazienza.

Preparate ora un’altra pentola con il fondo antiaderente, se possibile, e mettete a rosolare l’olio, la cipolla tritata ed il mezzo spicchio d’aglio.

Fate imbiondire la cipolla e, quando sarà bella lucida e trasparente, mettete i pezzetti di Parmigiano nella pentola, la polpa di pomodoro, lo zucchero, la noce moscata e l’acqua calda.

Fate cuocere con coperchio per un’oretta circa a fuoco lento, aggiungendo acqua se serve, e poi spegnete e lasciate raffreddare.

Una volta freddo il sugo, io l’ho passato con il frullatore a immersione, per renderlo un pochino più omogeneo e simile ad un ragù di carne vero. Salate e pepate a piacere.

Il sapore è qualcosa di paradisiaco. E come ho già detto anche a Teresa è “indecentemente” buono!

Dovete provarlo assolutamente, vedrete che non ve ne pentirete.

Un abbraccio a tutti e alla prossima ricetta.

Angelina
ragùProcessed with VSCOcam with 4 preset

5 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.