Pane fatto in casa

Io amo la mia mamma. Ma a volte mi sta proprio un po antipatica. Perchè ogni tanto mi manda le foto di alcune bontà che prepara in casa, che quasi riesco a sentirne il profumino dallo schermo del telefonino…ma poi purtroppo non le posso assaggiare. L’ultima “cattiveria” in ordine di tempo me l’ha fatta ieri, mandandomi la ricetta del suo pane fatto in casa, che oggi voglio assolutamente condividere con voi! Ecco gli ingredienti che vi serviranno per prepararne 2 filoni da circa 900 grammi l’uno.

1,5 kg di farina 00
1 litro di acqua
10 g di sale fino
4 g di lievito di birra
100 g di lievito madre

Preparazione:
Mettete in una grande pirofila l’acqua ed il lievito di birra e scioglietelo bene con le mani. Lasciatelo riposare x 10 minuti, poi aggiungete la pasta madre e sciogliete anche questa nella stessa acqua. Aggiungete la farina poco alla volta, in 4 fasi. Poi aggiungete il sale ed impastate fino ad ottenere un’impasto morbidissimo. Lasciate lievitare x 4 ore. Dopo formate i filoni, o panini, mettendo un po’ di farina ed un po’ d’olio sopra, e lasciate lievitare ancora per almeno un’ora. Infornate mettendo anche una pirofilina con dell’acqua nel forno, e cuocete a 250 gradi x 30 minuti. 

Voilà! Il vostro pane è pronto!

Per chi non avesse il lievito madre in casa, potrà sostituire tutta la dose di lievito della ricetta con 20 grammi di lievito di birra. Per chi invece volesse prepararsi il lievito madre fatto in casa, la ricetta è quella del mitico Antonino Esposito. Questi gli ingredienti che vi serviranno per farla:

Ingredienti

800 g di farina 00
500 ml di acqua
20 g di sale
2 g di lievito

Preparazione

1. Procedete con un primo impasto: in una ciotola sciogliete il lievito nell’acqua e unite metà della farina. Lavorate energicamente, dopodiché aggiungete il sale e la farina rimanente e continuate a lavorare fin quando l’impasto non si staccherà dalle pareti del contenitore
2. Trasferite il composto su un piano di lavoro leggermente infarinato e lavoratelo molto delicatamente. Il risultato dovrà essere una pallina elastica con la superficie a buccia di arancia, perché si dovranno creare delle piccole bollicine d’aria.
3. Coprite l’impasto con un canovaccio pulito e lasciate lievitare per circa 30 minuti. Trascorso il tempo di lievitazione lavorate nuovamente l’impasto per circa 10 secondi. Ripetete quest’ultima operazione 3 volte.
4. Nel frattempo ripulite dai residui il contenitore in cui avete lavorato l’impasto senza lavarlo. Una volta che avrete terminato le 3 lievitazioni, trasferite il composto nella ciotola e copritelo con la pellicola trasparente. Fate lievitare per circa 30 minuti a temperatura ambiente, dopodiché riponete il tutto in frigo per 24 ore.
5. Togliete l’impasto dal frigo e lasciatelo riposare a temperatura ambiente per 1 ora. Ricavate dall’impasto 5 palline, o pesetti, e fateli lievitare nuovamente fino al raddoppio del loro volume. Utilizzate 4 palline per fare delle pizze o, comunque, come preferite.
6. La quinta pallina sarà, invece, la base per la vostra pasta di riporto. Mettetela in un barattolo di vetro chiuso ermeticamente. Prima di utilizzarlo lasciate almeno 8 ore la pasta di riporto a temperatura ambiente. Se non intendete utilizzarlo subito conservatelo in frigorifero.

A presto! E buona panificazione!

Angelina

foto 1 foto 2

 

(Fonte pasta madre: Alicetv.it)

3 Comments

  • Bia ha detto:

    ciao Angelina!
    grazie per la ricetta, mia madre faceva già il pane in casa, ma la crosta non le veniva così bellina! una domanda… abbiamo il lievito madre, ma se volessimo ridurre le dosi per fare solo un filone, sai più o meno le dosi da usare?
    Grazie ancora per tutti i tuoi consigli!
    Bia

  • alessandra ha detto:

    Ma tutto con la farina 00?
    Ho sempre pensato che ci volesse quella 0 o di semola!
    X favore puoi dirmi le impostazioni del forno?
    Sembra venuto davvero croccante!:-)
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.