Lenticchie risottate

Un piatto sano, gluten free e vegano al tempo stesso che vi farà perdere la testa. O almeno, io quando le ho assaggiate l’ho persa per davvero! Mi sono innamorata penso da subito di questa qualità di lenticchie quando fin dai primi giorni qui a Londra. A mio parere, queste gustosissime perle arancioni somigliano come sapore più ai ceci che alle lenticchie vere e proprie. Provare per credere!
Io ho provato a prepararle in questa ricetta esattamente come fosse un risotto. E me le sono pappate tutte. Anzi. Ho fatto anche il bis. Ed il tris.

Ecco gli ingredienti che vi servono per prepararle:

-300 g di lenticchie rosse
-4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
-una costa di sedano piccola
-una piccola carota
-mezza cipolla bianca o gialla
-una noce di burro (per i vegani evitatelo)
-1 litro di brodo vegetale (fate attenzione che sia gluten free, per gli allergici. Può andare bene anche della semplice acqua bollente salata)
-150 ml di vino bianco (anche la birra andrà comunque bene)
-un cucchiaio di prezzemolo tritato
-una grattata di pepe nero macinato fresco

Preparazione:
-Iniziate a lavare la carota e la costa di sedano, facendo attenzione a togliere da quest’ultimo anche i filamenti (potete aiutarvi con un pelapatate).
-Tagliate la carota, la cipolla ed il sedano in pezzettini piccoli e metteteli in una casseruola a fuoco basso insieme all’olio ed il burro.
-Fate rosolare il tutto per almeno 5 minuti e poi aggiungete le lenticchie.
-Come con il riso, fate tostare le lenticchie per un paio di minuti abbondanti e poi sfumatele con il vino bianco.
-Fate evaporare tutto ,l’alcool dalla pentola ed a questo punto iniziate ad aggiungere il brodo bollente. Mi raccomando. Poco alla volta, altrimenti avrete una zuppa alla fine, e non un “risotto”.
-Controllate che la cottura sia al punto che desiderate e togliete la casseruola dal fuoco. Servite con un pochino di prezzemolo sminuzzato fresco ed aggiustate di sale (se serve) e pepe nero.

Bon appetit!

Angelina

lenticchie risottate

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.