Galaxy macarons

Ormai ci ho preso gusto. Da quando ho fatto il corso di macarons poche settimane fa, il richiamo di questi dolcetti é diventato come il canto delle sirene per Ulisse, musica per le mie orecchie. Sti dolcetti son particolarmente fetenti, perché appena si si sbaglia la minima cosa, tutto il lavoro fatto si può buttare nel cestino, per non dire altrove.

Pochi giorni fa avevo visto alcuni bellissimi macarons su Pinterest a tema “spaziale” e me ne sono subito innamorata. Detto fatto, ho provato a rifarli. Il tentativo mi é costato un’infornata di macarons che ho regalato ai miei coinquilini perché, come una scema, non avevo setacciato bene la farina e sono venuti tutti pieni di bozzetti in superficie, ma al secondo tentativo…Vittoria!

Questa volta non ho aspettato i 4-5 giorni che di solito si richiedono per l'”invecchiamento” degli albumi, ma li ho usati subito subito: dal negozio, alla mia planetaria! Ed il risultato non é poi così male, vero?

Macarons8

Ingredienti per circa 20 macarons interi (40 biscottini)

  • 100g di albumi d’uovo a temperatura ambiente;
  • 60 g zucchero semolato;
  • 120 g farina di mandorle al netto degli scarti;
  • 160 g di zucchero a velo;
  • colorante alimentare blu in pasta.

Macarons7

Preparazione

Iniziate a montare gli albumi in una planetaria con l’attrezzo per montare la panna (detto balloon) fino a quando non noterete che saranno appena schiumosi.

A questo punto aggiungete lo zucchero semolato tutto in una volta senza mai spegnere la planetaria. Questo è il primo dei tanti trucchi per fare dei macarons perfetti.

Fate andare la planetaria fino a quando non noterete che la meringa inizia a staccarsi un pochino dalle pareti e che abbia una consistenza tipo panna montata.

Fermate la planetaria ed aggiungete a questo punto il colorante alimentare. Io ne ho usato un bel po’ per ottenere questo colore bello carico, ma voi chiaramente potete metterne anche meno.

Fate andare la planetaria per almeno altri 30 secondi o fino a quando non vedrete che il colorante si sarà ben amalgamato dentro la meringa. Spegnete e tenete da parte.

Ora, se avete un mixer, mettete la farina di mandorle assieme allo zucchero a velo e, con la funzione “pulse”, tritateli insieme per circa 1 minuto.

Tirate fuori il composto dal mixer e setacciatelo dentro ad un recipiente abbastanza grande. I pezzetti che non passeranno dal setaccio li dovrete buttare via, altrimenti i vostri macarons non avranno la superficie bella liscia, come dovrebbe essere.

Mettete ora tutto in una volta il composto di meringa dentro la ciotola ed iniziate a mischiare non dal basso verso l’alto per non incorporare aria, assolutamente non necessaria nei macarons, ma, al contrario, fate dei movimenti che vadano a schiacciare il composto, togliendo così aria ed allo stesso tempo miscelando gli ingredienti fra loro, altro piccolo trucchetto.

Dovete mischiare il tutto fino a quando non otterrete un composto che, lasciandolo cadere dalla spatola che state usando per mischiare, venga giù “a nastro”, quindi con una caduta continua, ma non troppo veloce. Infatti ricordate che più mischiate il composto e più lo renderete liquido e, se sarà troppo liquido, avrete una frittata e non dei bei macarons, una volta messi in teglia.

Fatto questo, con l’aiuto di una sac à poche abbastanza grande con bocchetta liscia da pasticcere tonda di circa 2 cm di diametro, riempitela con il composto e lasciate da parte. Attenzione che il preparato sarà comunque abbastanza liquido e colerà, quindi premuratevi di mettere la bocchetta in alto e non verso il basso, altrimenti il preparato uscirà tutto fuori. Potete usare un bicchiere alto abbastanza da reggere in piedi la sac à poche in modo che non si muova.

Prendete una teglia da forno e metteteci sopra un tappetino in silpat/silicone. Iniziate a formare i macarons mettendo la punta dritta rispetto la teglia e non obliqua, e schiacciate fino a quando non avrete un curcolatto di circa 4 cm di diametro. Per eliminare le fastidiose puntine che rimangono, quando avete finito di fare il macaron, smettete di schiacciare la sac à poche e tiratela su con un movimento circolare e verso l’esterno, mai verso l’alto.

Mettete i macarons ad un pochino di distanza gli uni dagli altri perchè in cottura tenderanno ad allargarsi un pochino, e lasciare riposare la teglia in ambiente asciutto per circa 60 minuti, fino a quando non si sarà formata la pellicina sopra. Questo è un altro dei segreti!

Il tempo di croutage, comunque, potrebbe cambiare da un giorno all’altro, a seconda della temperatura e dell’umidità esterna.

Passato questo tempo, provate a toccare leggermente la superficie di uno dei macaron. Se il dito rimane pulito, allora sarà giunto il tempo di infornarli. Se invece il dito rimane anche solo minimamente sporco, allora lasciate riposare ancora i macarons.

Ora prendete la teglia e sbattetela sul piano di lavoro per un paio di volte, di modo da appiattire ulteriormente la puntina sulla sommità, rendendo uniforme la superficie dei dolcetti.

Il forno dovrà essere già caldo a 150 gradi (statico) e dovrete far cuocere i macarons per circa 15 minuti. Purtroppo i tempi di cottura cambiano da forno a forno, quindi cercate di regolarvi voi a seconda del vostro forno. Pensate che quando ho fatto il corso, ce ne ho messi 13, a casa con la stessa ricetta ce ne ho messi 19!

Macarons2

I macarons comunque saranno cotti quando con le dita riuscirete a staccarli senza troppa difficoltà dalla carta forno. Se fanno resistenza, perchè sono ancora appiccicati alla carta forno, vuol dire che dovrete lasciarli per più tempo.

Non fate l’errore di aprire e chiudere il forno, purtroppo per le prime volte dovrete andare un po’ a tentativi per capire il tempo giusto che serve al vostro forno per cuocerli.

Quindi potete farli cuocere per diciamo 14 minuti (che siano precisi, regolate la sveglia sul vostro telefono) e provate a staccarli dalla carta. Se non riuscite, a seconda di quanto ancora il composto sia umido all’interno secondo voi, lasciateli cuocere nel forno altri 3/5 minuti.

Terminata la cottura, tirate fuori la teglia e con l’aiuto di una spatola molto fine, sollevate i macarons dalla carta forno e metteteli a riposare sopra una gratella.

Per questi macaron “spaziali’ ho cercato di riprodurre una ganache altrettanto spaziale e golosa: una deliziosa crema alla Nutella e caramello salato che si sposerà perfettamente con la bontà di questi biscottini.

Macaron4

Ingredienti per la crema Nutella e caramello salato

  • 50g di Philadelphia;
  • 100 g di Nutella;
  • 50 g di salsa al caramello salato (io ho usato quella già pronta che trovate in commercio).

Macaron5

Preparazione

Mischiate tutti gli ingredienti insieme e fate riposare a temperatura ambiente.

Passato questo tempo prendete la metà dei macarons che avete preparato e farciteli con un pochino di crema di Nutella e salsa al caramello.

Ricopriteli poi con un altro macaron e fate un pochino di pressione per far uniformare il tutto.

Fate riposare i macarons almeno 1 oretta prima di mangiarli. Piú riposano e piu saranno buoni.

Possono essere congelati già ripieni, per poi essere mangiati in un secondo momento. Qui potete vedere un breve video che vi spiegherá meglio come li ho preparati:

Fatemi sapere se proverete la ricetta, e se avete qualche domanda scrivetela pure qui sotto nei commenti, saró felice di aiutarvi! 🙂

A presto.
Angelina

Macaron1

Macarons6

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.